luglio: 2019
L M M G V S D
« giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

LA SANITA’ DEI SENSALI, DEI POLITICI D’AFFARI...

stanlio
…E DEI VACUI AMMINISTRATORI.
Secondo quanto si apprende dalla stampa (CORRIERE ADRIATICO 08.10.2013) sarebbe imminente un incontro fra l’inconsistente Assessore regionale Almerino Mezzolani e la Giunta Comunale di Fossombrone nell’ambito del quale, precisa l’Assessore e sensale Paride Prussiani, “cercheremo di capire se è concretamente possibile cambiare qualcosa dell’impostazione attualmente prevista per l’ospedale di Fossombrone”.
Non possiamo non notare come le dichiarazioni di Prussiani e la ritrovata “disponibilità” all’incontro e al dialogo di Mezzolani per “recuperare…la lungodegenza” a Fossombrone seguano, a distanza di pochi giorni, la pubblica manifestazione di interesse per detto servizio sanitario da parte delle ormai note cooperative d’affari in cui operano altrettanto noti politici locali e uomini del Partito Democratico. Inutile spiegare a Prussiani, Mezzolani e colleghi che i problemi della sanità del nostro territorio sono innanzitutto la disequità determinata dalla cosiddetta riforma regionale fra le diverse province della Regione, con Pesaro e Urbino all’ultimo posto per quantità e qualità dei servizi, cui si aggiunge l’ulteriore disparità di trattamento e di accesso ai servizi sanitari fra i cittadini in prossimità della costa e quelli residenti nell’entroterra.
Così com’è inutile esporre loro le gravi carenze e le criticità – purtroppo già sperimentate – di un sistema di emergenza che vede i cittadini del nostro territorio ulteriormente e pericolosamente penalizzati dalla presenza dell’unico ospedale dell’area vasta (Urbino) che, in caso di eventi gravi (Es. infarti del miocardio, accidenti vascolari dell’encefalo, gravi traumatismi, ecc.) è assolutamente inadeguato e non attrezzato a prestare le cure più appropriate (spesso di tipo interventistico) che devono seguire alla procedura di stabilizzazione del paziente e dalle quali dipendono le possibilità di rimanere in vita, il permanere di postumi invalidanti, l’aggravio dei costi sociali.
Dunque, protocolli e burocrazia permettendo, tali casi devono essere necessariamente trattati a Pesaro e ad Ancona, con tempi di trasferimento ed intervento pericolosi ed inaccettabili, oltre che in palese violazione del diritto costituzionale alla salute costituzionalmente e dei LEA – Livelli minimi di assistenza sanitaria. Ormai la situazione è chiara e sapremo reagire, insieme ai cittadini, tanto all’incompetenza e all’inconsistenza politica del Mezzolani e di certi amministratori locali, quanto agli appetiti e alla speculazione delle cooperative d’affari.

CITTADINI, NON SUDDITI.
Comitatinrete - 
Comitato a Difesa dei Diritti Fossombrone – comitatoadifesadeidiritti@gmail.com

Comments are closed.