ottobre: 2019
L M M G V S D
« giu    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Ricorso al TAR di Waferzoo: la Regione insiste


La P.F. Energia della Regione Marche, con decreto nr. 8/EFR_11 del 12/02/2010, ha CONCLUSO CON DINIEGO il procedimento principale per l’autorizzazione dell’inceneritore di biomasse di Schieppe di Orciano, ed ha disposto che la P.F. Valutazioni e Autorizzazioni Ambientali provveda alla consequenziale conclusione dei propri endoprocedimenti collegati. Abbiamo già evidenziato, a suo tempo, le ragioni per cui, si trattava di una farsa, in quanto questi ultimi procedimenti erano invece rimasti comunque in essere.

Ora, la ditta, con il ricorso nr. 361 del 28.04.2009, ha impugnato al TAR Marche il decreto regionale nr. 8/EFR_11 del 12/02/2010, citando in giudizio il la Regione Marche, la Provincia di Pesaro e Urbino, il Comune di Orciano di Pesaro, il Sindaco di Orciano di Pesaro Ufficiale di Governo.

Ieri , presso il TAR Marche si è però consumato un ulteriore colpo di scena: la Regione Marche, nonostante la evidente carenza di interesse a perseverare nei ricorsi al TAR Marche 701/2008 e 735/2008, per ripristinare la validità e l’efficacia dell’endoprocedimento – Autorizzazione Paesaggistica annullata dal Ministero per i Beni Ambientali e Culturali per “sviamento e travisamento, difetto di istruttoria, inadeguata motivazione, illogicità ed incongruenza,….”, ha proseguito sulla linea originariamente intrapresa a fianco della ditta.

A che scopo non è dato comprendere, posto che, anche qualora ripristinata, l’autorizzazione paesaggistica sarebbe fine a se stessa, in quanto provvedimento endoprocedimentale di un procedimento concluso con diniego.

Evidente la contraddizione rappresentata da  una Giunta Regionale contemporaneamente schierata A FIANCO della ditta proponente e CONTRO la stessa.

E intanto il Ministero per i Beni Ambientali e Culturali, la Provincia di Pesaro e Urbino, i Comuni di Fano, Montemaggiore al Metauro, Serrungarina, Barchi, Orciano di Pesaro, devono continuare a difendere la salute e il territorio con consistente impegno di risorse.

Strane contraddizioni! Chiediamo alla Magistratura di indagare.

Testo del volantino distribuito nel sit-in di fronte alla Procura della Repubblica di Pesaro Giovedì 29 aprile dal Coordinamento.
Chi volesse partecipare ai sit-in del Giovedì scriva a segreteria@comitatinrete.it

Comments are closed.